Passa al contenuto principale

National Stock Exchange of India Ltd.

Velocità ed efficienza per le operazioni di disaster recovery grazie all'automazione

NSE, con sede a Mumbai, è la principale borsa valori indiana. Fondata nel 1992 come la prima borsa elettronica demutualizzata nel Paese, NSE ha continuato a ottenere nuovi primati nella sua storia: è stata la prima borsa in India a fornire un sistema di commercio elettronico basato su schermo completamente automatizzato nel 1994 e, nel 2000, ha offerto il primo ecommerce in India. NSE ha una capitalizzazione di mercato totale di oltre 2,27 trilioni di dollari, il che la rende l'undicesima borsa valori più grande del mondo.

La sfida di business

Con un processo fortemente manuale che si affidava a esperti e richiedeva diverse ore per un cambio di data center, la National Stock Exchange of India Ltd. (NSE) ha cercato lo strumento giusto per automatizzare le sue operazioni di ripristino di emergenza.

Trasformazione

Come leader della borsa valori indiana, NSE deve rimanere disponibile, anche durante un evento catastrofico. Lavorando con Kyndryl™, ex IBM Infrastructure Services, per implementare la soluzione Kyndryl Resiliency Orchestration per il disaster recovery, NSE ha ridotto dell'80% il tempo necessario per lo swithover, limitando al tempo stesso gli interventi manuali e i potenziali errori umani.

Risultati

Riduzione dell'80% dei tempi di switchover e switchback, passando da ore a minuti

Abilitazione delle esercitazioni di ripristino di emergenza con la pressione di un pulsante

Minore necessità di affidarsi ad esperti altamente qualificati per eseguire esercitazioni di ripristino di emergenza

Affrontare le sfide e i rischi degli attuali ambienti di lavoro

Dalla sua fondazione nel 1994 come prima borsa valori completamente elettronica in India, NSE ha sempre fatto affidamento sulla tecnologia. NSE Infotech Services guida la trasformazione digitale in corso della borsa mantenendo i suoi sistemi IT attivi e funzionanti per evitare interruzioni dell'attività.

Secondo GM Shenoy, Chief Technology Officer (CTO) di NSE, l'interruzione dell'attività può assumere un paio di forme: "Potrebbe essere un attacco informatico o un malfunzionamento nei sistemi IT stessi. Quindi, una resilienza completa, che permette alla nostra attività di continuare a operare anche in caso di incidenti informatici o di altro tipo, è fondamentale per NSE".

Per questo motivo, NSE conduce mensilmente esercitazioni di ripristino di emergenza fittizie e ogni sei mesi esegue esercitazioni complete di switchover dal suo sito principale a Mumbai a un sito di backup a Chennai. Il suo obiettivo di tempo di recupero (RTO) imposto dalla normativa è di quattro ore. Tuttavia, ciò significa che durante l'esercitazione, la borsa potrebbe restare offline per quelle quattro ore. "Circa un anno fa, abbiamo iniziato a pensare che, sebbene un RTO di tre o quattro ore andava bene per quanto riguarda i regolamenti, dovevamo cercare un modo più rapido per completare lo swithover del solo sistema di trading sul sito di backup", spiega Shenoy.

Le esercitazioni di ripristino esistenti si basavano in larga misura su tecnici altamente qualificati per trasferire manualmente l'eterogeneo mix di sistemi fisici e virtuali di NSE al sito di backup a Chennai. Il processo era lento, macchinoso e spesso poco efficiente e, secondo Shenoy, a volte mancavano passaggi del processo.

"I nostri primi clienti sono le unità aziendali all'interno di NSE e queste unità aziendali subivano ritardi e interruzioni", afferma Shenoy. "Avevamo bisogno di trovare lo strumento giusto che ci aiutasse ad automatizzare il processo di ripristino di emergenza, in modo da poter continuare a servire le unità aziendali interne, nonché i broker esterni e la comunità commerciale".

Automatizzare le operazioni di ripristino di emergenza

NSE ha collaborato con Kyndryl Business Resiliency Services per implementare una soluzione automatizzata di orchestrazione della resilienza Kyndryl per il ripristino di emergenza per le applicazioni critiche.

La soluzione automatizzata è progettata per ridurre i tempi di swithover e fornire un ripristino di emergenza semplificato e in tempi certi al fine di migliorare i servizi aziendali. Il team di Kyndryl ha creato flussi di lavoro personalizzati utilizzando la recovery automation library. Fondamentalmente, la soluzione basata su cloud è ideale per l'uso all'interno di un ambiente ibrido o multicloud come quello di NSE.

Il team di Kyndryl ha adottato un approccio graduale all'implementazione della soluzione. Nella prima fase, ha affrontato il sistema di gestione del rischio di NSE (RISK) e le applicazioni connesse a NSE (C2N). Le fasi successive hanno incluso le applicazioni Index, Information Feed, Currency Feed and Surveillance (IICS), Clearing and Settlement (CNS), enterprise, terze parti e Readiness for Trading. NSE è ora passata dai servizi di implementazione al supporto dei servizi gestiti fino al 2022 dopo aver ampliato l'ambito della soluzione.

La soluzione di orchestrazione della resilienza automatizza gli esercizi di ripristino di emergenza per aiutare a limitare l'errore e lo sforzo umano, garantendo al contempo che le attività di ripristino vengano eseguite all'interno degli accordi sul livello di servizio (SLA) stabiliti da NSE. NSE può facilmente condurre le sue esercitazioni mensili e semestrali, incluso lo swithover dal data center al suo centro di backup di Chennai, senza un impatto importante sulle operazioni interne o sui servizi esterni.

Rendere il ripristino di emergenza "normale"

Implementando la soluzione di orchestrazione della resilienza, NSE ha ottenuta una riduzione dell'80% nei tempi di switchover e switchback. "Quando abbiamo utilizzato per la prima volta lo strumento di [Kyndryl], il tempo si è ridotto a circa un'ora", afferma Shenoy. "Ora che abbiamo implementato con successo l'intera attività di ripristino di emergenza del sistema, siamo arrivati ad appena 40 minuti".

E il risparmio di tempo è stato costante nel tempo. "Non solo l'abbiamo implementato e provato, ma ora lo usiamo per ogni mock drill che effettuiamo mensilmente, per assicurarci di farci trovare pronti", afferma Shenoy. NSE ha registrato un tasso di successo del 100% nelle sue esercitazioni mensili. Inoltre, la soluzione ha funzionato bene durante le principali esercitazioni di switchover di NSE. Shenoy spiega: "Ogni sei mesi, quando effettuaimo uno switchover pianificato al nostro sito di Chennai, ci assicuriamo che l'intero switchover sia eseguito con lo strumento di orchestrazione [Kyndryl]. Ciò significa che gestiamo il mercato da Chennai usando lo strumento".

L'utilizzo dello strumento riduce anche lo sforzo richiesto per il passaggio grazie ai suoi flussi di lavoro automatizzati e intelligenti, che accelerano il processo e riducono l'intervento umano e gli errori. Ciò consente agli esperti IT di concentrare le proprie competenze sulle esigenze di ripristino più urgenti durante i tempi di inattività. Shenoy afferma: "I miei esperti di tecnologia sono sicuri che lo strumento funzionerà e porterà i migliori risultati nel più breve tempo possibile". Grazie all'automazione le esercitazioni di disaster recovery possono essere avviate, ovviamente dalla persona incaricata, semplicemente premendo un pulsante. In precedenza, i team di esperti nel ripristino di emergenza dovevano essere pronti prima che NSE potesse avviare le sue esercitazioni.

Shenoy nota che i suoi clienti interni ed esterni sono contenti. "L'implementazione ha offerto benefici alla loro organizzazione, in particolare per quanto riguarda la parte commerciale", afferma, delle unità aziendali interne. "Sono felici non solo perché le interruzioni e i ritardi sono stati risolti, ma anche perché il processo complessivo è diventato molto efficiente". Aggiunge: "Per la comunità dei broker e gli investitori, questa è un'attività totalmente trasparente. Per loro uno switchover totale è solo un altro giorno normale in borsa. Sono in grado di offrire una giornata normale con questo processo e sono soddisfatti che sia tutto come al solito".

Shenoy ha grande fiducia nello strumento. Quando mi viene chiesto quanto ci sentiamo a nostro agio nel caso in cui si verifichi un evento catastrofico, posso affermare che noi saremmo pronti. "Lo testiamo mensilmente in un ambiente fittizio. Ed eseguiamo esercitazioni di switchover ogni sei mesi. L'abbiamo testato con successo".